Vai a sottomenu e altri contenuti

Settore Gestione Ambiente e Territorio

Informazioni

Responsabile: Dott. Giovanni Deiana

Indirizzo: Piazza Italia, n. 22 - 08100 Nuoro

Telefono: 0784 238619

Fax: 0784 33325

Email: giovanni.deiana@provincia.nuoro.it

PEC: protocollo@pec.provincia.nuoro.it

Orario: -

Il Settore Gestione Ambiente e Territorio si occupa dei procedimenti di: rilascio parere AUA (Autorizzazioni Uniche Ambientali), previa acquisizione dei pareri resi dai funzionari tecnici del Settore; espressione di pareri relativi a richieste sottoposte a Valutazione di Impatto Ambientale (V.I.A.), rilascio di Autorizzazioni Integrate Ambientali (A.I.A.) e Valutazioni Ambientali Strategiche (V.A.S.); autorizzazione e controllo del ciclo dei rifiuti (rilascio, sospensione e revoca di autorizzazioni nonché verifica e controllo delle relative prescrizioni; procedimenti di controllo in materia di utilizzo dei fanghi da depurazioni in agricoltura, Osservatorio provinciale dei rifiuti);autorizzazione e controllo del ciclo delle acque (autorizzazioni, dinieghi, diffide, sospensioni e revoche allo scarico di reflui provenienti da impianti di depurazione, controllo degli scarichi di reflui, riutilizzo delle acque reflue depurate, rilascio licenze per attingimento acque superficiali ad uso domestico e produttivo, autorizzazioni alla ricerca di acque sotterranee per usi domestici e produttivi, ecc.); smaltimento amianto dagli edifici privati (assegnazione, liquidazione e rendicontazione dei contributi); controllo delle attività di bonifica di siti inquinati (quali siti industriali e minerari, impianti di distribuzione di carburante); autorizzazione alle emissioni in atmosfera e tutela della qualità dell'aria;

In tema di tutela della fauna e della flora, il Settore cura, tra gli altri: la gestione degli istituti di protezione faunistica (quali Oasi Permanenti di Protezione e Cattura e Zone di ripopolamento e cattura) e l'autorizzazione ed controllo delle strutture faunistiche/venatorie private; la verifica e l'indennizzo di danni arrecati dalla fauna selvatica alle produzioni agricole e zootecniche; il controllo degli insetti nocivi e dei parassiti dell'uomo, degli animali e delle piante e alla loro lotta, mediante il coordinamento dei gruppi C.P.A.; il rilascio delle abilitazioni per l'esercizio dell'attività venatoria.

In tema di educazione e sensibilizzazione ambientale, l'ufficio preposto sviluppa le politiche di sostenibilità ambientale attraverso progetti strategici, con la compartecipazione a iniziative e progetti in tema di educazione ambientale e di promozione delle tematiche di salvaguardia dell'ambiente con partner pubblici e privati nazionali e europei, le attività e le tematiche sull'ambiente e la sostenibilità portate avanti attraverso il Nodo IN.F.E.A.S. (Informazione Fomrazione all'Educazione Ambientale e alla Sostenibilità) e i CEAS (Centri di Educazione Ambientale e alla Sostenibilità), la gestione dell'Ecosportello provinciale la promozione degli acquisti verdi nella P.A. (GPP - Green Public Procurement), nonché l'attività trasversale a tutto l'Ente di sensibilizzazione all'applicazione dei Criteri Ambientali Minimi (C.A.M.) nelle procedure di gara per l'acquisizione di beni e servizi.

Compete al Settore Gestione Ambiente e Territorio la vigilanza su tutte le situazioni di illegalità, derivanti da illeciti ambientali negli ambiti di competenza, con la conseguente irrogazione delle sanzioni amministrative previste dalla normativa vigente. A tal fine l'Ufficio Sanzioni: esamina i verbali di accertamento e contestazione di illecito amministrativo elevati dagli organi addetti al controllo sull'osservanza delle disposizioni in materia ambientale; emette le ordinanze di ingiunzione o di archiviazione; redige i verbali di accertamento e contestazione degli illeciti per la cui violazione è prevista una sanzione amministrativa; predispone i ruoli esattoriali in caso di mancato pagamento della sanzione amministrativa pecuniaria nei termini di legge; predispone gli atti necessari alla rappresentanza in giudizio dell'Ente in caso di opposizione giudiziale all'ordinanza-ingiunzione.